Commemorata la morte di Gesù nel carcere di Trani

Testimoni di Geova: commemorata la morte di Gesù nel carcere di Trani

I detenuti hanno rinunciato alla cena per poter assistere alla solenne cerimonia.

di Giorgio Eccel

La Commemorazione della morte di Gesù Cristo è stata tenuta anche presso la Casa Circondariale di Trani alla presenza di 22 detenuti.
Nelle settimane precedenti, era stata data ampia pubblicità alla celebrazione mediante l’affissione di appropriate locandine – invito, tanto che oltre 30 persone avevano prenotato per assistere all’evento.
I tre ministri di Culto dei Testimoni di Geova che hanno organizzato l’evento, hanno elogiato i presenti per il sacrificio che hanno dovuto sopportare in quanto, a causa dell’orario concomitante, hanno dovuto rinunciare alla cena.
Dei 22 presenti, otto già hanno uno studio biblico regolare e stanno facendo sforzi per adeguare la loro vita ai principi biblici che imparano, evidente lavoro dell’opera di recupero sociale che i “testimoni” compiono all’interno del carcere tranese, numerosi altri, a seguito di quest’importante occasione solenne, hanno deciso di passare da una “conversazione conoscitiva” ad un impegno di studio più serio.
I presenti hanno espresso parole d’apprezzamento per il modo in cui si è svolta la celebrazione che ritengono la più informativa e vicina allo spirito della sua istituzione da parte di Gesù.
E’ stata data anche ampia testimonianza alle guardie penitenziarie di stanza nei corridoi, rispondendo alle loro domande e spiegando in cosa consisteva l’adunanza che stava per essere tenuta.

I tre ministri di culto dei testimoni di Geova si sono dichiarati soddisfatti, poiché c’è stato un aumento del 100% sul numero dei presenti rispetto allo scorso anno.
Tramite la redazione, inoltre, colgono l’occasione per ringraziare la Direttrice della Casa Circondariale ed il Comandante della Polizia Penitenziaria per la disponibilità e la collaborazione dimostrata fattivamente in quest’occasione, anche mediante l’opera dei loro sottoposti.

http://www.bisceglielive.it/news/news.aspx?idnews=3281#

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *