Italia: Nuevo Salón del Reino

Sondrio: Aperta in città la nuova Sala del Regno

salasondrioPotrà ospitare fino a 220 persone: «Il primo luogo di culto non cattolico che si inaugura a Sondrio»

Con i ricordi del passato e il discorso per la dedicazione, la comunità sondriese dei Testimoni di Geova ieri mattina ha inaugurato ufficialmente la nuova Sala del Regno del capoluogo, realizzata con un progetto – interamente autofinanziato dalla congregazione – che aveva mosso i primi passi nel 2004.

Per il primo incontro nella nuova struttura alcuni membri della congregazione hanno preparato un racconto della storia della comunità di Sondrio e della Valtellina, attraverso testimonianze e immagini, per ripercorrere un cammino iniziato alla fine degli anni Quaranta con l’impegno di un piccolo gruppo di persone.

La cerimonia poi è proseguita con un discorso di Giuseppe Falone, della sede italiana dei Testimoni di Geova, che ha sottolineato come in questi anni su tutto il territorio nazionale sia cresciuto il numero delle persone che si avvicinano al messaggio dei Testimoni di Geova. La nuova Sala del Regno può ospitare fino a 220 persone, e ieri per la prima adunanza i posti a sedere erano praticamente tutti occupati: d’altra parte «per la comunità è un momento molto importante – ha spiegato ieri Massimo Morelli della congregazione di Sondrio -, e anche per la città questa è una giornata che resterà negli annali, visto che la nostra Sala del Regno è il primo luogo di culto non cattolico che viene inaugurato in Sondrio».

Con la struttura di Sondrio i luoghi di culto dei Testimoni di Geova in provincia salgono a tre, e per la comunità la Sala sarà un punto di riferimento importante: «Terremo qui le adunanze settimanali – ha spiegato sempre Morelli – che come sempre saranno aperte liberamente a tutti, e la Sala ospiterà anche incontri in russo e in inglese per due gruppi di cittadini stranieri residenti nel Sondriese che hanno chiesto di avere questa possibilità. La strada è stata lunga e impegnativa, visto che il percorso per realizzare questo luogo di culto è iniziato nel 2004, e i lavori di cantiere veri e propri per circa undici mesi hanno coinvolto oltre 170 volontari della nostra comunità, ma ora la congregazione avrà a disposizione uno spazio importante per le riunioni, e un luogo per organizzare l’opera di evangelizzazione che in provincia vede impegnati 430 Testimoni di Geova».

(f.b.)

Fonte: Edizione cartacea de La Provincia di Sondrio del 07/06/2009 pag. 17.

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *